[ngg_images source=”galleries” container_ids=”12″ sortorder=”79,76,77,78″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Ebbene si, le Pelagie sono un paradiso incontaminato in cui il tempo sembra essersi fermato. La vita degli isolani segue il ritmo cadenzato delle stagioni e i ritmi del mare, l’attività prevalente rimane sempre la pesca, resa innovativa dalle moderne tecniche, ma che non trascura le “ regole” tradizionali dettate dagli antichi pescatori lampedusani,regole tramandate da padre in figlio.

Gli abitanti dell’isola sono una micro comunità fortemente legata alle origini e al territorio e troveranno sempre il modo di accogliervi con un sorriso e farvi sentire come un membro della famiglia.

Lampedusa segue un tempo ormai perduto nel tempo, l’abitudine a “fare comunità”, le riunioni intorno al fuoco d’inverno o i pic-nic in barca d’estate ( non sorprendetevi di vedere affiancate le imbarcazioni la domenica, sono le famiglie lampedusane intente a trascorrere insieme il giorno della festa), durante i quali “ le teglie” e i piatti viaggiano da una barca all’altra in una comunione di cibo e di tempo che sembra essere un sogno dimenticato nel clima freddo e a tratti incomunicabile delle grandi metropoli.

A Lampedusa la vita è a misura d’uomo e di natura!